EMERGENZA CORONAVIRUS

Rezza (ISS): "Nel calcio non ci sono condizioni per rischio zero"

24.04.2020 17:37

Gianni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità, manifesta i propri dubbi sulla ripresa in sicurezza: "Il calcio come altri sport implica un contatto diretto - riporta gazzetta.it - quindi la necessità di controlli molto stretti su un numero di persone relativamente ampio. Non si discute nemmeno che si giochi se non a porte chiuse. Ma attorno ai calciatori ci sono 200 persone, i controlli sarebbero in carico delle squadre da quello che ho capito, con scadenze molto strette. È una decisione molto difficile da prendere, non mi sembra ci siano le condizioni per un rischio zero"

Malagò: "Entro lunedì il protocollo per la ripresa di tutti gli sport"
Aiuti dalla Fifa, 150 milioni alle Federazioni