Calcio

SDM - Foglia Manzillo: 'Cesena e Matelica meritavano entrambe la C, Bari inarrestabile, girone H avvincente'

'Il mio futuro? C'è già stato qualche contatto, mi piacerebbe allenare in Puglia'

07.05.2019 15:49

Dai problemi con l'Agnonese all'analisi dei vari gironi. Seriedmagazine.it ha intervistato Antonio Foglia Manzillo, ex allenatore di Matera, Nardò e Marcianise. Il suo nome nelle ultime settimane è stato accostato a diversi club dei gironi H e I. 

Mister Foglia Manzillo, è stata una stagione complicata per lei e l'Agnonese nonostante i buoni propositi iniziali. Cosa è successo?

È stata una stagione molto complicata, purtroppo quando sei chiamato a subentrare,  la voglia di allenare, di rientrare, ti fa perdere in lucidità e spesso la fretta ti fa commettere scelte sbagliate, Agnone di per se non è una scelta sbagliata, ma c'era il sintetico nuovo da mettere, in un mese e mezzo doveva essere tutto fatto,  invece ce ne sono voluti quattro e mezzo. Fare 70 chilometri al giorno tutti i giorni per quattro mesi e mezzo per allenarsi, e giocare sempre in trasferta ci è costato in termini di fatica e di punti.

Cosa pensa del suo girone in generale? Ha vinto la squadra che ha meritato di più?

Io ho quasi sempre allenato nel girone H ritenendolo il più difficile e qualitativo, dopo queste due esperienze in Molise, Campobasso ed Agnone, devo essere sincero, ho dovuto ritrattare un po' questa mia affermazione,  il girone F è molto competitivo, squadre forti con under fortissimi e soprattutto mentalizzati. A mio avviso Cesena e Matelica avrebbero meritato entrambe di vincere, si è arrivati al fotofinish, il Matelica non ha mai mollato e bisogna dargliene atto, ma il Cesena conquistata la prima posizione poi non l'ha più mollata.

Parliamo degli altri gironi, nell’H grande lotta in vetta fino alla fine.

Il girone H è stato mai come quest'anno molto avvincente, Taranto e Cerignola hanno messo pressione al Picerno, che non ha potuto mai tirare un po' il fiato, sapeva che qualora l'avesse fatto, avrebbe corso seri rischi. Complimenti a tutte e tre, purtroppo in Italia siamo sempre poco generosi con chi arriva secondo e terzo, non è giusto nei confronti di chi per arrivare sul podio c'ha messo fatica, passione e tanta professionalità.

Per molti in generale la presenza del Bari ha in qualche modo falsato il girone I

Il girone I salvo clamorose sorprese era un girone deciso in partenza. Cesena, Avellino, Como, sono tante le nobili decadute che hanno vinto il campionato o che si apprestano a farlo, vediamo lo spareggio dei lupi con il Lanusei domenica, ma hanno tutte dovuto sudare, quando la proprietà si chiama De Laurentiis, purtroppo per le rivali diventa praticamente impossibile.

Cosa bolle in pentola per il suo futuro? O comunque quale sarebbe il suo desiderio?

Per il futuro, fortunatamente qualche approccio già c'è stato ma dopo questa ultima esperienza mi sono ripromesso di decidere con calma, senza fretta, senza farmi prendere dalla voglia irrefrenabile che abbiamo noi allenatori di rimetterci subito in pista. Il mio desiderio, qualora potessi scegliere, sarebbe quello di ritornare ad allenare nel girone H che è quello che più sento mio, la Puglia mi piace, la considero un po' la mia seconda regione.

Lunedì la festa promozione del Cesena, furia Matelica: 'Non dovevamo iscrivere la squadra'
Il vicepresidente UEFA: 'Picerno esempio per piccoli e grandi e club'