Calcio

Dietro al 'miracolo' Renate c’è anche la Serie D...

15.01.2021 22:40

In questi giorni si parla tanto di “miracolo Renate”, la società che rappresenta un comune lombardo con meno di 4.00 abitanti, tra Como e Monza, in cima alla classifica del girone A della Serie C. I media mainstream fanno il loro lavoro ed esaltano un fenomeno sportivo che potrebbe sembrare episodico invece di miracoloso ha ben poco, in realtà è frutto di un lavoro lungimirante e meticoloso che affonda le radici in 20 anni di gestione oculata grazie alla conoscenza delle virtù del calcio della Lega Nazionale Dilettanti. Iniziamo dalla società che è la stessa dal 1998 quando il Renate con un passo graduale ma costante è partito dalla Promozione ed in più di dieci anni ha raggiunto i professionisti. Prima della C il club sempre gestito dal patron Luigi Spreafico ha vissuto anni importanti nei campionati dilettantistici puntando sui giovani che affollano le categorie della LND. Nelle ultime undici stagioni nei professionisti il Renate ha lanciato tanti giovani formati dai settori giovanili delle società dilettantistiche tra cui Jacopo Scaccabarozzi, capitano della Rappresentativa Serie D e dell’Under 18 LND quando giocava nell’Olginatese, poi per quasi sei stagioni punto fermo del club lombardo.

Serie D: il programma gare e le designazioni arbitrali
Real Aversa, nuovo rinforzo per mister De Stefano