Calcio

Gravina, svastiche sui muri prima del match con il Francavilla Sul Sinni

04.02.2019 14:29

Circa 60 svastiche sono state disegnate la scorsa notte con vernice nera sul muro perimetrale dello stadio comunale "Stefano Vicino" di Gravina in Puglia (Bari). A darne notizia è su facebook il sindaco Valente, che parla di "indignazione" nei confronti di "teppisti evidentemente nostalgici dei brutti tempi andati" che "nel corso della nottata, protetti dal buio in cui amano vigliaccamente agire, sono entrati nello stadio, tracciando con la vernice nera decine di svastiche sul muro perimetrale".
    Ieri si è disputata la partita del girone H di serie D tra l'Fbc Gravina con il Francavilla finita zero a zero. All'evento era stato dato il titolo "Un calcio al razzismo - lo sport ha mille colori".
    Prima della partita i muri sono stati ripuliti e "anch'io, simbolicamente, ho voluto dare una mano - ha scritto il sindaco - e dove c'erano segni di morte ci sono adesso simboli d'amore".
    In un video pubblicato sulla sua pagina fb, il sindaco ha dipinto cuori al posto delle svastiche. Indaga la polizia.

Taranto: Il club lancia l’operazione ‘Simpatia’
D/H - Gragnano: Campana, ‘I miei piangevano per l’ingiustizia'