Calcio

Serie D/C: Ecco tutti i numeri dell’andata

13.02.2021 11:28

Girone C: i numeri dellandata

Domenica scorsa si è chiusa l’andata dei gironi A e C. Al netto dei recuperi ancora da giocare si può stilare un bilancio individuando i più ed i meno in rapporto alle partite disputate. Saranno fuori dal computo Delta Porto Tolle e Campodarsego che devono giocare ancora nove e cinque partite. Il titolo di campione d’Inverno è un discorso a tre, tra Manzanese 37 punti e una gara da giocare, Trento a 34 e Union Clodiense a 31 entrambe con due match da recuperare. Stesso duello per il numero assoluto di vittorie. Gli arancioneri se colgono l’ultimo successo sono inarrivabili a quota 12. Se non raccolgono i tre punti nell’ultimo recupero possono essere raggiunti da Trento e Clodiense in caso quest’ultime facessero bottino pieno negli ultimi 180’ dell’andata. La Manzanese insieme ai lagunari vantano la striscia più lunga di vittorie di questa andata, quattro, un record che non potrà essere battuto da nessuno nonostante i recuperi. La Clodiense ha fatto filotto dall’8^ all’11^, la serie della Manzanese è ancora in corso.  E’ il Trento che può vantare la striscia più lunga d’imbattibilità dell’andata, un filotto ancora in corso: nelle ultime dieci partite i gialloblu, che devono recuperare due gare, hanno collezionato cinque vittorie e altrettanti pareggi. Il Trento non perde dal 22 novembre. La Manzanese fa punti da nove incontri.

20210211 Manzanese
Un'esultanza della Manzanese. Ph credit: Marco De Toni

La capolista attuale detiene il miglior attacco rispetto alle partite disputate con 42 gol in 18 sfide per una media di 2,3 gol a partita. La difesa più ermetica appartiene al Belluno (-17 reti in 18 match) ma se la gioca con l’Arzignano che ha incassato le stesse reti in 17 incontri, Trento e Clodiense perforate 18 volte in 17 sfide. La squadra di Carmine Parlato è la meno battuta, solo un ko, il 3-2 subito a Mestre. Nessuno potrà togliere il record al Trento anche se perderà uno dei due recuperi che deve disputare. Il Chions è il club che ha vinto di meno in questa prima parte di stagione, solo una volta, proprio nell’ultimo recupero. Nelle precedenti 17 sfide il fanalino di coda aveva racimolato sette pareggi. 17 gare senza vittorie, è la striscia più lunga del girone d’andata. Lo stesso Chions insieme al Feltre ad oggi sono le squadre più battute (10 volte). Il club della provincia di Pordenone ne deve giocare ancora una ma ci sono anche Ambrosiana e Campodarsego che ne hanno perse nove dopo 18 e 15 partite. La squadra padovana in questo girone d’andata ha incassato cinque rovesci di fila, nessuno ha fatto o farà peggio, recuperi compresi, perché la striscia di ko in corso più lunga è quella della Virtus Bolzano, a digiuno da tre incontri con un solo match da disputare. La curiosità è che le ultime nove della classifica hanno esultato almeno una volta nelle recenti cinque partite. Cinque come il numero di gare in cui il Cjarlins Muzane non ha mai raccolto i tre punti. La squadra di Carlino non esulta dal 5 gennaio.

20210211 Clodiense
Un'esultanza dell'Union Clodiense Chioggia. Ph credit: Fabio "Rasty" Bellemo

La difesa più perforata è quella del Feltre che ha subito 35 reti in 19 incontri ma potrebbe non essere la prestazione peggiore di quest’andata perché l’Ambrosiana ne ha subito uno in meno con una gara ancora da giocare. Caldiero Terme e Cjarlins Muzane sono le squadre che hanno impattato di più, otto volte in 18 e 17 match. Sono in buon compagnia e potrebbero perdere il titolo di mister x dell’andata se Trento, Este e Cartigliano si fermassero sul pari almeno una volta nei prossimi recuperi.

Chi ha fatto meglio in casa? Belluno e Trento sono le uniche squadre imbattute tra le mura amiche ma i trentini devono ancora ospitare due avversari. Manzanese, Union Clodiense e Mestre hanno vinto più di tutti sui propri campi, cinque volte, ma hanno ancora partite per aumentare il bottino. Possono essere raggiunte e superate anche da Bolzano, Trento e Delta Porto Tolle. Se i gialloblu dovessero vincere i due recuperi casalinghi centrerebbero il miglior rendimento interno del girone, con 21 punti conquistati sui 27 disponibili.

20210211 Mestre
Nella foto: un'esultanza del Mestre

Chions e Campodarsego in questo girone d’andata non hanno mai fatto bottino pieno sul proprio terreno di gioco, ma se per i primi è ormai un dato incontrovertibile, per i secondi c’è ancora una possibilità di togliere lo zero nella casella. Nel complesso entrambe hanno raccolto solo due punti sul proprio terreno di gioco.

Il miglior attacco interno è della Manzanese con 20 centri. Può essere raggiunta e superata solo dal Bolzano se fa 3 o più gol nel recupero casalingo, dal Trento se ne fa sei o più nei prossimi 180’.   

L’Ambrosiana ha incassato più gol di tutti sul proprio rettangolo di gioco (22). Le difese meno perforate sono quelle di Belluno e Cartigliano con sole sette reti al passivo.

Con sei successi esterni la capolista Manzanese è la squadra più corsara di questo girone d’andata. Solo il Belluno può raggiungerla se supera a domicilio il Delta Porto Tolle a patto che la regina del girone non vinca lo scontro diretto a Trento. Comunque vada gli arancioneri sono riusciti a conquistare 20 punti in trasferta, nessuno può o potrà fare meglio anche dopo i recuperi. In questo girone d’andata tutte le squadre almeno una volta hanno subito un rovescio e si sono tolte la soddisfazione di essere tornate a casa con i tre punti. Il miglior attacco in trasferta se lo contendono Luparense e Manzanese con 23 e 22 gol all’attivo. I primi non possono rimpinguare il bottino mentre la capolista può fare meglio se torna da Trento con una buona prestazione.

20210211 Luparense
Nella foto: un'esultanza della Luparense

La difesa meno perforata è un discorso che riguarda Este, Arzignanochiampo e Campodarsego. Tutte squadre non propriamente di vertice, un dato curioso. Gli estensi hanno incassato solo sette reti, le altre due nove ma tutte e tre devono ancora disputare almeno un recupero lontano da casa. Da sottolineare anche la prestazione dell’Adriese con soli otto gol subiti in nove trasferte. Manzanese, Trento, Cjarlins Muzane e Este hanno perso solo una partita sui campi avversi. Tranne i trentini tutte le altre devono giocare almeno un recupero in trasferta. Il San Giorgio Sedico ha subito 20 gol in dieci gare esterne, nessuno ha fatto peggio. Il Cartigliano ha firmato solo quattro centri in otto gare.

Nella foto principale: l'esultanza del Trento. Ph credit: Carmelo Ossanna

Brindisi, è arrivato anche Joaquin Suhs
Mercato: Cerignola, due partenze e due arrivi