Calcio

Il calcio contro infiltrazioni criminalità: incontro al Ministero Interni

06.03.2019 20:09

Si è tenuta oggi, al Ministero degli Interni, la prima riunione della Cabina di regia prevista dall’articolo 3 del Protocollo Nazionale stipulato lo scorso 18 maggio 2016 fra il Ministero dell’Interno, la Federazione Italiana Giuoco Calcio, la Lega Serie A, la Lega B e la Lega Pro, con l’obiettivo di prevenire le infiltrazioni della criminalità organizzata nelle società di calcio professionistiche.

La riunione è stata presieduta dal Prefetto Paolo Formicola, vicecapo di Gabinetto del ministro Salvini, alla presenza del generale Antonio Basilicata, capo reparto preventivo della Direzione investigativa antimafia (Dia), di Sabina Fasciolo (responsabile Affari legali Figc), Giovanni Spitaleri (coordinatore Delegati per la Sicurezza Figc), del presidente della Lega B Mauro Balata, del presidente Claudio Lotito per la Lega Serie A, e del presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli.

Il Prefetto Formicola ha aperto i lavori. Sono seguiti gli interventi di tutti i partecipanti. Soddisfatto dell’incontro si è detto il presidente della Lega B Balata che ha ricordato come sia necessario mettere in atto "tutte le iniziative per estromettere dal calcio le finalità criminose e al contrario incentivare gli investimenti di imprenditori sani e per bene. Chi è nel sistema deve garantire trasparenza e lealtà, in primis verso i tifosi che sono il vero patrimonio del calcio. Noi come Lega B non siamo più disposti ad accettare ambiguità, per questo sono necessari controlli a monte e questo Protocollo agisce proprio in questo senso".

Vastese, il nuovo allenatore è Papagni
Serie D: le date della fase post-campionato