Calcio

Covid, situazione delicata in casa Taranto

20.01.2021 00:10


"La partita con il Molfetta sarà rinviata perché sabato 23 gennaio scadranno i famosi 21 giorni di isolamento, 30 per la Serie D. Per non attendere questi 30 giorni, bisogna seguire il protocollo dei professionisti che prevede un'integrazione alla idoneità fisica per l'attività agonistica per gli elementi colpiti dal coronavirus. Pertanto, ogni nostro calciatore contagiato dovrà sottoporsi a una serie di accertamenti specifici per controllare le parti vitali del corpo, come cuore e polmoni, che solitamente il virus va a intaccare. È un esame complesso, che non si risolve in pochi minuti, ma essendo molto accurato ci vorrà almeno un'ora per ogni singolo elemento. Inizieremo il 25 gennaio, dopo di che riprenderanno gli allenamenti. Pertanto, posso dire sin da adesso che è a rischio anche la gara di domenica 31 con la Team Altamura, ma saremo sicuramente pronti per la sfida infrasettimanale dello "Iacovone" con il Francavilla del 3 febbraio. Non dipende dalla società, ma dalla disponibilità delle strutture sanitarie del territorio, che abbiamo già allertato, e dai tempi necessari per ottenere questa idoneità per l'attività agonistica". Lo ha dichiarato Vittorio Galigani, consulente personale del presidente Massimo Giove, nel corso di Rossoblu 85.

Fidelis Andria, super colpo dal Cerignola
Galigani: 'Alla fine del girone di andata tutte le squadre dovranno aver giocato lo stesso numero di gare'