Calcio

Legnano, il presidente Munafò: "Bisogna decretare la fine del campionato"

09.03.2020 13:59

«Finiamo il campionato qui, non ci sono i presupposti per continuare in sicurezza». Questo in sintesi il messaggio lanciato alla Lega Nazionale Dilettanti da parte di Giovanni Munafò, Presidente del Legnano Calcio, prima che la stessa Lega prenda, nella giornata di lunedì, una decisione proprio in merito al proseguo della stagione. «Spero che la Lega faccia chiarezza in maniera limpida e decisiva – continua il numero uno lilla nel lungo comunicato apparso in serata sul sito della società lombarda – e c’è un modo solo per farla: decretare la fine anticipata del campionato, congelando la classifica. Non possiamo parlare di calcio quando la gente muore. Pensiamo prima di tutto alla salute, poi alle aziende che chiudono e al collasso economico. Il calcio deve essere l’ultimo dei pensieri. La mia posizione è sincera e la esprimo in modo forte. I problemi sono insormontabili e la regola del metro di distanza è risibile. Con l’intera Regione Lombardia zona rossa, come potremmo andare in Trentino per giocare con il Dro? Abbiamo anche dei giocatori che vengono dal Piemonte e, in teoria, non potrebbero venire qui per gli allenamenti. Per non parlare del discorso economico. Si può giocare a porte chiuse una volta, non undici. Perderemmo troppi soldi, per non parlare degli sponsor. Per non parlare della possibilità di un contagio all’interno della società, che saremmo costretti a mettere in quarantena. Abbiamo investito tanto, ma preferiamo che la Lega prenda un scelta definitiva e chiara. Prima di tutto viene la salute delle persone. Bisognava fermare tutto un mese e mezzo fa, facciamolo almeno ora».

Figc, domani convocato Consiglio Federale straordinario
Bitonto, il Presidente Rossiello: 'No alle porte chiuse'