Calcio

Tutti vogliono il Foggia, per la D tante manifestazioni di interesse

A cura di Rebecca Zichella per alfredopedulla.com

16.07.2019 13:07

Le lancette scorrono, ma per il destino del Foggia Calcio bisognerà aspettare qualche giorno in più. Se il termine ultimo per presentare una manifestazione d’interesse per la costituzione di una nuova società calcistica a Foggia era alle dodici del 16 luglio, in mattinata il sindaco Franco Landella ha disposto una proroga a lunedì 22 luglio. 

Il sindaco di Foggia deciderà poi a chi assegnare il titolo sportivo del club rossonero che verrà iscritto al campionato di Serie D. Al momento però, sono state protocollate già sei buste. La prima, quella del gruppo facente capo a Gianfranco Travagin e la seconda, che vede una vecchia conoscenza del Foggia Calcio, quella del gruppo Follieri (Soccer Foggia SSD), in un tentativo-bis per acquistare la società, dopo averci provato già nel 2018, rappresentato a Palazzo di Città dalla commercialista Daniela Scarpiello. 

La terza busta contiene la proposta del gruppo Di Matteo, rappresentato da Marco D'Adduzio mentre la quarta è la manifestazione l’interesse del gruppo Di Silvio, rappresentato dal segretario rossonero Peppino Affatato. Anche Claudio Quaglione ha protocollato la busta del gruppo di Sario Masi, contenente la proposta del Calcio Foggia 1920 SSD.

Protocollata anche la busta con la manifestazione d'interesse del gruppo di imprenditori foggiani rappresentato da Luca Nember, dove spiccherebbero i nomi di Pino Di Carlo, ex presidente di Confindustria di Capitanata, Tullio Capobianco, Matteo La Torre e altri imprenditori locali, disposti a partecipare con sponsorizzazioni per il rilancio della nuova società dilettantistica che si andrà a costituire nei prossimi giorni. La direzione tecnica del progetto, vedrebbe il punto di partenza o meglio, di ripartenza, proprio nel ds Luca Nember che dopo essere finito nel mirino della contestazione diventando uno dei bersagli della tifoseria rossonera a seguito della retrocessione e della mancata iscrizione, starebbe redigendo un suo progetto dettagliato.

Sono attese altre due possibili manifestazioni dal Nord Italia che potrebbero arrivare insieme ad altre proposte entro e non oltre il 22 luglio. Il sindaco di Foggia farà quindi il possibile per garantire la continuazione del calcio nella città attraverso l’individuazione di una nuova proprietà: non mancano di certo le preoccupazioni dei tifosi circa le sorti future del Foggia Calcio, alimentate dal proliferare di “interessi” manifestati da avventurieri o gente con precedenti fallimentari e inesperienza.

Adesso Foggia e i foggiani sono uniti in un'unica speranza, quella che vede nel più credibile dei pretendenti, per consistenza economica, per credibilità e sostenibilità dell’idea di calcio che proporranno, il futuro del Foggia, che quasi nel centenario del club, ha girato pagina al capitolo più brutto della sua storia.

 

L'Agropoli per la Serie D ha già pronto il nuovo allenatore...
Fidelis Andria, arriva un nuovo Club Manager