Calcio

Presunta combine Avellino - Catanzaro: Ecco i rinvii a giudizio

22.03.2019 17:31

Tiene ancora banco la vicenda Money Gate, l'inchiesta che riguardò l'azienda dell'ex patron del Catanzaro, Giuseppe Cosentino, che sfiorò anche le vicende della squadra giallorossa.
Il procedimento sportivo sulla presunta combine in occasione di un Catanzaro-Avellino del 2013, vide l'assoluzione degli imputati, ma l'inchiesta penale ha avuto il suo seguito e la Gazzetta dello Sport illustra le ultime novità in merito:

Catanzaro-Avellino del 5 maggio 2013 è una gara ancora aperta: il sostituto procuratore di Catanzaro, Anna Chiara Reale, ha chiesto il rinvio a giudizio per frode sportiva nei confronti di Giuseppe Cosentino, Armando Ortoli e Andrea Russotto, ex presidente, d.s. e giocatore del Catanzaro, Walter Taccone e Vincenzo De Vito, all’epoca presidente e d.s. dell’Avellino. Il gup deciderà il 20 settembre. La presunta tentata combine (stralcio dell’inchiesta «Money gate», Procura di Palmi) è già giudicata in ambito sportivo un anno fa: furono prosciolti i due club e tutti gli imputati.

Serie D: Il programma della 28ª giornata. Portici-Messina in diretta
Picerno, già pronti nuovo settore ospiti e tribuna stampa