Calcio

Pres. Potenza: "Senza riforma 40 società di C rischiano di sparire"

16.04.2020 13:59

Dalle colonne del Corriere dello Sport il presidente del Potenza Salvatore Caiata si fa portavoce delle richieste avanzate al Governo: "Abolizione della ricapitalizzazione delle società, per quest'anno, ed esimerci dal produrre una nuova fideiussione che imporrebbe garanzie, in questo momento difficili da fornire. Senza una drastica riforma almeno 40 società non potranno iscriversi alla nuova stagione. Questo calcio non è più sostenibile in un momento di grave emergenza, che non è ancora iniziato dal punto di vista finanziario. Non è possibile contare cento società professionistiche: se le Leghe ritengono di risolvere i problemi con il turnover di club e presidenti, facciano pure, ma il forfait si registrerà in Lega Pro per non parlare di quelle dilettantistiche. Piccole società come il Potenza, che pure rappresenta un capoluogo di regione, non possono sopravvivere attraverso sponsorizzazioni minori. Parlare di incassi è fuori luogo, andando prevedibilmente incontro a un lungo periodo a porte chiuse, in cui non ci saranno incassi. É accertato che ogni campionato si chiude con un bilancio negativo, in media, di 500mila euro per ogni club. Appare scontato che pochi potranno assumersi tale rischio per la prossima stagione".

Bari, Ciofani: "Da momenti come questi possono nascere opportunità"
CorMezzogiorno: "Bari e Avellino, una guerra a suon di multe"