Calcio

Matelica in C, il Sindaco: 'Ci facciano giocare in casa, andró dal Presidente della Repubblica per difendere la squadra'

09.06.2020 00:03



Parole e “musica” di Massimo Baldini, sindaco di Matelica, appena appresa la notizia dell’ammissione della squadra della sua cittadina tra i professionisti. Non è stata una novità inattesa, tutt’altro ma, compostamente, si è festeggiato comunque un traguardo giunto probabilmente nella stagione dove certi obiettivi erano stati sbandierati di meno rispetto al passato. “Per noi è un’occasione straordinaria, anche di promozione del territorio e dei suoi prodotti. Andremo a confrontarci con realtà infinitamente più grandi della nostra e di questo dobbiamo ringraziare la famiglia Canil e la sua gestione che negli anni è stata sempre corretta ed oculata.”

Quanto alla possibilità di giocare davvero “in casa”? “Faremo tutto quello che è nelle nostre possibilità. Con me ho l’assessore alle finanze ed ai lavori pubblici: se servono parcheggi li faremo, se servono altre infrastrutture ci impegneremo. Di certo posso dire che non lasceremo nulla di intentato. Spero ci sia anche la collaborazione di qualche altra realtà imprenditoriale locale perché, ripeto, è un’opportunità unica che ci emoziona tutti ed a me in modo particolare visto che sono stato anche un ex giocatore del Matelica e ai miei tempi celebravamo i successi in Prima Categoria. Ora invece sogniamo in grande”.

Palmese: "Dalla stanza dei bottoni insulse decisioni..."
Giugliano, ecco il nuovo allenatore