EMERGENZA CORONAVIRUS

Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi 30 luglio: 6.619 nuovi casi e 18 morti

30.07.2021 18:14

Sono 6.619 i nuovi casi di coronavirus in Italia (ieri sono stati 6.171, qui il bollettino). Sale così ad almeno 4.343.519 il numero di persone che hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (compresi guariti e morti) dall’inizio dell’epidemia. I decessi odierni sono 18 (ieri sono stati 19), per un totale di 128.047 vittime da febbraio 2020. Le persone guarite o dimesse sono complessivamente 4.132.510 e 2.117 quelle uscite oggi dall’incubo Covid (ieri 1.825). Gli attuali positivi — i soggetti che hanno il virus — risultano essere in tutto 82.962, pari a 4.478 in più rispetto a ieri (+4.323 il giorno prima).

 

I tamponi e lo scenario

I tamponi totali (molecolari e antigenici) sono stati 247.486, ovvero 22.696 in più rispetto a ieri quando erano stati 224.790. Mentre il tasso di positività è 2,7% (l’approssimazione di 2,67%); come ieri quando era 2,7%. Qui la mappa del contagio in Italia.

Più contagi in 24 ore rispetto a ieri, con il rapporto di casi su test che rimane stabile al 2,7% (come ieri), sopra il 2% per il terzo giorno consecutivo. La curva dovrebbe essere al «picco settimanale» della sua altalena. «L’infezione sta crescendo — spiega Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità, commentando il report settimanale —. La circolazione del virus è soprattutto nelle fasce più giovani tra 10 e 29 anni». Con la variante Delta che ha una prevalenza del 94,8% e l’indice Rt che è salito all’1,57 dall’1,26 precedente. «L’Rt “proiettato”, cioè quello previsto per la prossima settimana mostra una stabilizzazione — sottolinea Brusaferro —. È un dato da confermare, ma siamo sopra la soglia epidemica». Per quanto riguarda un possibile cambio di colore delle regioni Brusaferro dice: «Oggi è difficile fare previsioni, la prossima settimana avremo un quadro più definito».

Serie D: Alcune squadre potrebbero partire con una penalizzazione
Il Giarre ufficializza l’arrivo di Pietro Arcidiacono: “Possiamo sognare la C”