Calcio

Covid e stadi vuoti: entro fine stagione in fumo 370 milioni di euro

09.12.2020 18:53

Nonostante il passare delle settimane è difficili abituarsi all’idea di giocare senza pubblico. La chiusura degli stadi ai tifosi sta rappresentando un fattore e alcuni risultati maturati in questi mesi ne sono la prova. Inoltre, questo tipo di manovra, inevitabile nel tentativo di fermare la diffusione del Covid-19, sta costando parecchio alle casse dei club italiani per cui la sospensione dei versamenti fiscali fino al 30 aprile 2021 è solo un brodino.

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, infatti, se anche la stagione 2020-21 dovesse concludersi con gare giocate sempre a porte chiuse, i mancati incassi per le 20 società di A ammonterebbero a 370 milioni, cifra che emerge non solo tenendo conto degli introiti da biglietteria e abbonamenti (circa 200 milioni) ma anche dell’hospitality, cioè i servizi di categoria superiore offerti al pubblico e agli sponsor, e di tutte quelle attività connesse alla vita degli impianti, come tour, musei, negozi. Parliamo del 15% dei ricavi caratteristici del massimo campionato. Si va dagli 80 milioni di potenziale perdita per la Juventus ai cinque milioni delle neopromosse, con i grandi club a pagare il conto più salato. 

Brindisi, c'è anche Fanelli nel mirino: 'Mi piacerebbe giocare nel Fanuzzi...'
Gambuzza è già in viaggio verso Brindisi, domani la firma sul contratto