Calcio

Lello non ce l'ha fatta, addio al piccolo-grande campione

30.12.2019 17:28

Lello, come lo chiamavano gli amici, non ce l'ha fatta. Il 18enne calciatore del Casarano si è spento nell’ospedale ‘Cardarelli di Napoli, dopo aver lottato per giorni contro un male incurabile. Raffaele Santagata, classe 2001, era considerato da tutti una vera promessa del calcio. Era giunto al Casarano dalla Sangiustese, dopo essersi affermato come uno dei giovani più forti dell’intera Serie D. Qualche giorno fa la situazione era peggiorata, tanto da aver costretto i medici a rischiare un delicatissimo intervento chirurgico alla testa.

Il presidente del Casarano Giampiero Maci prima di Natale aveva dichiarato: «Siamo vicini a lui con grandissimo affetto e speriamo di poterlo riabbracciare al più presto. Forza Lello!». La società ha mantenuto sempre riserbo e discrezione augurandosi che potesse presto tornare ad allenarsi. Il che ha fatto intuire la gravità della situazione e del problema di salute che ha colpito il ragazzo.

Nel suo paese, Melito, in provincia di Napoli, il dramma di Lello ha fatto il giro di tutte le case. I suoi concittadini hanno deciso, come forma di rispetto, di non esplodere fuochi d'artificio la notte del 31 dicembre. Anche la Sangiustese si è stretta attorno a lui e alla sua famiglia in un abbraccio virtuale. Lello non aveva mai smesso di sorridere alla vita, nonostante quel tumore che aveva gettato nello sconforto parenti e amici. Purtroppo, però, non è riuscito a vincere la sua partita più importante.

Casarano: Giovanissimo calciatore lotta tra la vita e la morte
Casarano: Dopo la scomparsa di Lello, il toccante ricordo del Presidente Maci