Calcio

Nardò, terreno di gioco impraticabile. Il Presidente: 'Non abbiamo colpe'

10.09.2019 15:31


NARDO' - La sconfitta nel derby contro il Fasano, la seconda consecutiva dall'inizio del torneo, ha avuto un suo lungo strascico abbastanza polemico. Il casus belli, come riporta il Nuovo Quotidiano di Puglia, è rappresentato dalla manutenzione del terreno di gioco del Giovanni Paolo II che, in maniera abbastanza obiettiva, è al limite della praticabilità. Sui vari social media, il tutto è stato, come di consueto, amplificato, tirando in ballo la società rappresentata da Salvatore Donadei che, al termine del match contro il Fasano, ha deciso di prendere la parola: «Il rifacimento del manto erboso», ha commentato il prresidente, «è stato affidato ad un professionista di acclarato valore che ci ha assicurato un terreno di gioco perfetto per la prossima partita in casa, ossia fra due settimane. È chiaro che se il risultato non dovesse essere conseguito, allora lo solleveremo dall'incarico affidatogli. Però, se una società si affida ad un professionista che offre le giuste garanzie per la riuscita dell'intervento, e questo non dovesse riuscire nel proprio lavoro, si può sapere quali colpe possono essere imputate a tutti noi?».

Serie D: programma gare e arbitri della 3^ giornata dei gironi B e C. E c'è anche la Coppa Italia
Fasano, Mister Laterza: 'Niente esaltazione, l'obbiettivo resta la salvezza'