Calcio

Il Comune di Cesena rende omaggio alla squadra: 'Salvaguardata storia e tradizione'

08.05.2019 19:40

A poco più di ventiquattr’ore dalla promozione in serie C il Comune di Cesena ha voluto rendere omaggio ai protagonisti della stagione bianconera. Sono stati il Sindaco Paolo Lucchi e l’assessore allo Sport Christian Castorri a fare gli onori di casa a Palazzo Albornoz, ospitando calciatori, staff, dirigenti e soci. Prima di fare dono di una pergamena celebrativa della vittoria del campionato, il primo cittadino di Cesena ha ripercorso le fasi che in estate hanno portato alla nascita della società che, tra i professionisti “torna ad essere la Nazionale della Romagna”. L’assessore Castorri ha sottolineato il peso di quasi ottant’anni di storia e la tradizione che spiegano l’importanza e il valore del calcio a Cesena.

IL PRESIDENTE - Quindi è stato il turno del presidente del Panathlon, Dionigio Donigi, tra gli artefici in estate del bando che, vinto da Pubblisole, ha portato alla nascita del nuovo Cesena: “E’ il momento di festeggiare - ha detto tra una citazione latina e l’altra - ma anche di puntare a nuovi traguardi”. Dopo le parole del presidente Patrignani, che ha avuto parole di elogio per il tecnico Angelini e il ds Pelliccioni, è stato il capitano De Feudis a esprimere l’ultimo pensiero: “In estate eravamo una creatura in embrione, ora abbiamo imparato a camminare con le nostre gambe”.     

Il Casarano conquista la Coppa Italia Dilettanti
Taranto: Giove, ‘Vincere i playoff è fondamentale’