Il Francavilla non è ancora salvo, Cupparo sbotta: “Non dovevano mandarci quell’arbitro”

0
170
Antonio Cupparo

E’ veramente un fiume in piena il presidente del Francavilla Tonino Cupparo, non tanto per il pareggio contro il Madre Pietra che ancora non dà ai suoi la certezza della salvezza, ma le ire del massimo dirigente rossoblù sono tutte rivolte alla conduzione arbitrale del signor Vimercati di Cosenza che, indubbiamente, ha lasciato a desiderare in più di un’occasione (manca un rosso a Di Maio e restano tanti dubbi sul gol annullato a Masini). “Quando il risultato non dipende solamente da te diventa tutto più difficile – confessa il massimo dirigente sinnico – oggi abbiamo fatto di tutto e di più, giocando praticamente da soli. Gravagnone è stato spettatore non pagante e oggi non mi va di dare demeriti al Francavilla, semmai li abbiamo per quanto riguarda le partite precedenti . Non possiamo andare avanti in questo modo perché c’è una continua mancanza di rispetto nei confronti di una società che ha sempre fatto bene il suo lavoro, ha sempre onorato i suoi impegni con i tesserati ed ha sempre onorato gli impegni della federazione. I nostri demeriti ci sono e sono indiscutibili, però quando meritiamo di vincere e di raggiungere l’obiettivo minimo della salvezza non ci deve essere impedito da forze di causa maggiore, perché così non ce la facciamo nemmeno noi”.

Il tecnico del Francavilla Ranko Lazic

Più che però della prestazione insufficiente del direttore di gara, il presidente Cupparo è molto arrabbiato per la designazione, una scelta ritenuta infelice date le diverse richieste arrivate in federazione al designatore arbitrale. “Non ci va bene essere trattati così da un designatore arbitrale che ignora le comunicazioni di una società che avvengono da due anni consecutivi – termina il massimo dirigente rossoblù – perché il signor Vimercati che ci ha arbitrato oggi è stato oggetto di una nostra lettera di indesiderata al designatore arbitrale, il quale puntualmente ha ignorato tutto. Come maggior affronto alla nostra società ha deciso di mandarlo nella partita più delicata della stagione e questa cosa non va bene. Noi non è che abbiamo qualcosa contro questo arbitro ma, siccome contro di noi sbaglia sempre, avevamo semplicemente chiesto che non fosse lui ad arbitrare le nostre partite. Non penso che sia l’unico direttore di gara disponibile in questa giornata quindi lascio a voi le vostre considerazioni ”.

Savio Salerno
fonte: Il Quotidiano del Sud – Basilicata
Twitter @seriedmagazine