Il Francavilla ha ritrovato il sorriso e Lazic ci scherza su: “Mi ero dimenticato come si vince”

0
48
Ranko Lazic (foto Savio Salerno)

Domenica scorsa dopo il successo con l’Agropoli mister Lazic aveva voglia di scherzare e ripeteva più volte: “Ormai mi ero dimenticato come si vince”. Tanta ironia per il tecnico serbo che a dir la verità in questi anni ha sempre dimostrato di saperci fare dal punto di vista dei risultati, ma in questa stagione non tutto è stato rosa e fiori e la vittoria mancava da addirittura due mesi al Francavilla, con i tre punti conquistati contro l’Agropoli che fanno tirare un bel sospiro di sollievo in ottica salvezza. “Sapevamo di giocare contro un Agropoli che è all’ultima spiaggia – ammette il trainer rossoblù – abbiamo fatto una buona gara anche se qualche cosa non mi è piaciuta. In avvio abbiamo sbagliato qualcosa ma ci è andata bene e anche nei primi minuti del secondo tempo non mi sono piaciuti i ragazzi. Alla fine però abbiamo vinto 3 a 0 ed è importante per il morale dei ragazzi, visto che non riuscivamo a portare a casa i tre punti da sei giornate. Per noi vincere contro l’Agropoli era importante per ridare entusiasmo all’ambiente e per conquistare al più presto la salvezza”. Tre punti arrivati grazie anche alla scelta iniziale di mister Lazic che ha deciso di schierare dall’avvio De Marco rinunciando sia a Fanelli che a Marino, con l’attaccante scuola francavillese che è stato tra i migliori in campo. “Ho fatto questa scelta perché siamo il peggior attacco del girone – conclude il tecnico serbo – andare avanti sempre uguale non va bene e quindi volevo cambiare qualcosa. E’ da un mese che De Marco sta dimostrando di stare bene in allenamento, è un attaccante che gioca per il gol e inventa sempre qualcosa e per fortuna questa scelta ha pagato. E’ normale che Fanelli e Marino non sono in discussione, ma oggi volevo potenziare la fase offensiva giocando con tre punte vere”.

L’esultanza di Aleksic (foto Savio Salerno)

Soddisfatto anche il presidente Cupparo che, al termine del match, ha analizzato così l’ottima vittoria dei suoi. “E’ una vittoria di vitale importanza – confessa il massimo dirigente rossoblù – per fortuna l’abbiamo centrata contro una squadra che, nonostante una classifica deficitaria e le poche possibilità di salvarsi, ha giocato fino alla fine. Quello che mi ha meravigliato di più è la tenacia che hanno dimostrato sul 3 a 0, perché qualsiasi squadra si sarebbe fermata mentre hanno continuato a giocare e a cercare la rete”. La salvezza ormai è a un passo e manca veramente poco, con i rossoblù che nel prossimo turno cercheranno di fare un altro passo decisivo verso la permanenza in Serie D nel derby contro il Picerno. “Ancora il traguardo non è stato raggiunto – conclude il presidente Cupparo – ci servono ancora altri tre punti minimo e abbiamo la possibilità di farli nelle ultime cinque partite, di cui due in casa e tre fuori. Avremo due derby in trasferta difficilissimi a partire da quello di domenica contro il Picerno che ormai ha conquistato il suo obiettivo, gioca con tranquillità, ha grandi mezzi ed è guidata da un allenatore che è una sicurezza i questa categoria. Sarà complicato ma cercheremo di tornare da Picerno con qualche punto che per noi sarebbe fondamentale”.

Savio Salerno
Twitter @seriedmagazine