Il Trastevere piazza l’allungo: battuto l’Herculaneum, i punti sul secondo posto diventano sette

0
106
Trastevere - Herculaneum (foto Valerio Caprino)

Quinta vittoria consecutiva del Trastevere, che supera l’Herculaneum grazie al solito Tajarol.

Una gara difficile per la capolista, di fronte ai campani ben messi in campo da Rosario Campana, e che nel primo tempo non hanno concesso praticamente nulla.

Dopo una buona occasione fallita dagli ercolanesi con Yeboah, il Trastevere trova il vantaggio grazie al bomber Tajarol. Bravissimo l’ex attaccante della Lupa Roma, nel farsi trovare in area, controllare, e girare in porta dove Mennella non può arrivare. Nel secondo tempo, l’uscita del bomber Tajarol per un problema al polpaccio, impedisce al Trastevere di avere lo stesso peso in attacco, dove il neo entrato Fiorini, non riesce ad impensierire la retroguardia ospite. Con l’Herculaneum ridotto in 10 per il doppio giallo al terzino Rossi, il Trastevere sciupa diversi occasioni per chiudere il match. Bravissimo ad opporsi il portiere Mennella ai vari tentativi dei ragazzi di Gardini, in particolar modo, poco dopo la mezz’ora, è capitan Paolacci a fallire il calcio rigore del possibile 2-0. Nel finale l’Herculaneum mette paura alla capolista con un paio di mischie, che in pieno recupero, fanno venire i brividi ai tifosi trasteverini. Ha ben diretto il sig. Maraniello di Paola, con un paio di macchie, ininfluenti però sul risultato. Assolutamente ingiusto infatti l’allontanamento di mister Campana, così come inesistente è il fallo che costa il rosso diretto a Pace al 93′, visto che il centrocampista di casa non tocca neanche il portiere ospite in uscita.

Il Trastevere soffre, ma vince. Consolida il primato in classifica, in quella che potrebbe essere una domenica decisiva in chiave promozione.

C’è ancora qualcuno che parla di sorpresa, ma è evidente che questa squadra meriti i tanti attestati di stima che arrivano domenica dopo domenica. Una squadra che, anche quando non riesce ad offrire il solito bel gioco, riesce a trovare comunque il guizzo vincente. Si tratta della terza vittoria consecutiva per 1-0, segno che anche il pacchetto arretrato sta dando dimostrazione di grande solidità, con un super Paolacci, e con degli under davvero interessanti (il portiere Radaelli, e i terzini Vendetti e Pasqui). Contro l’Herculaneum erano assenti pedine importanti come Panico e Mastromattei al centro del campo, Lo Russo in attacco, e Tarantino in difesa. Ma chi è stato chiamato in causa, ha dato dimostrazione di assoluta affidabilità, a dimostrazione che questa squadra ha anche delle valide alternative a quelli che in teoria sono considerati titolari. La classifica dell’Herculaneum è certamente bugiarda. La squadra di Campana è ben attrezzata, organizzata, ma manca del guizzo vincente in avanti, dove nella partita contro la capolista, l’unico a mettersi in mostra è stato Yeboah. Troppo poco però per impensierire la seconda migliore difesa del girone.

Valerio Caprino
Twitter @seriedmagazine